Facebook

CARRELLO

Totale {{totalAmount|currency}}

Non hai ancora nessun articolo nel carrello.
Neraneve e i sette diversamente alti

Neraneve e i sette diversamente alti

di Salvatore Dama (Autore)


Prima scena: l'isola di Fratellanza - luogo orwelliano dove approdano i migranti in arrivo dalla Tunisia - è il teatro delle gesta di Ludovica, una cooperante dedita agli impicci che è stata espulsa dalle sardine per intemperanze caratteriali. La ragazza declina il suo manifesto politico: abolire il Negroni (rinominandolo "Cocktail della pace"); avviare una campagna culturale in difesa del tartaro (e contro lo "sbiancamento dei denti"); cambiare il nome di Biancaneve ("Odioso simbolo del suprematismo").
La storia di Ludo si intreccia con quella di Alex, giornalista precario inviato a Fratellanza per raccontare gli sbarchi dei migranti. Ma il tipo, per non essere radiato dall'Ordine, si è sottoposto a un Programma di Rieducazione Professionale. E' testimone degli interessi opachi che si muovono dietro la macchina dell'accoglienza, ma non può scrivere un cazzo. E' obbligato a utilizzare un software di videoscrittura, LoveWord, che gli banna tutte le parole vietate dalla Neolingua. Ha un trojan sullo smartphone che controlla i suoi discorsi. E ha un chip, sotto pelle, che gli infligge una schicchera tutte le volte che esprime un'opinione vagamente razzista. Sicché le sue corrispondenze finiscono per essere melasse retoriche, edulcorate e lontane dalla realtà. Ma fedeli al pensiero unico.
Seconda scena: Roma. Dove si compie la parabola di tre "ragazzi di vita", tre migranti ospiti l'anno prima nell'Hotspot di Fratellanza. Ahmed finisce nella manovalanza dello spaccio; Kareem diventa l'amante dell'Avvocato, anziano e potente intrallazzone, che lo piazza in tv come ballerino; Zizou fa successo come rapper, inneggiando all'odio contro gli italiani. La sua hit - "Fika bianca" - scala la classifica di Spotify.
"Neraneve e i sette diversamente alti" è una favola ridicola. Un miscuglio di attualità e realtà aumentata, in cui l'autore prova a forzare il recinto del pensiero unico, della "Cancel culture", persuaso da un convincimento: il politicamente corretto non va combattuto, va perculato.

Salvatore Dama, laureato in scienze politiche internazionali, è giornalista professionista e scrittore. Ha pubblicato i romanzi Foresteria [For Hysteria], A volte esagero, Pizzaboy, l'instant book Scendo a pisciare il cane di peluche.

Informazioni editoriali

Data di uscita
2022
Editore
Youcanprint
Pagine
160
ISBN
ISBN
9791221436112

Recensioni clienti

0 su 5 stelle sulla base di 0 Recensioni
Cartaceo EUR {{current_price.toFixed(2)}} EUR {{form.item.thisBook.listPrice.toFixed(2)}} Risparmi EUR {{saved_amount}} EUR {{form.item.thisBook.listPrice.toFixed(2)}}
Consegna prevista: giovedì 27 giugno
EUR {{current_price.toFixed(2)}} EUR {{form.item.thisBook.listPrice.toFixed(2)}} Risparmi EUR {{saved_amount}} EUR {{form.item.thisBook.listPrice.toFixed(2)}}
Link per acquisto audible non disponibile
Youcanprint, la piattaforma italiana di Self-publishing

Youcanprint è la prima
piattaforma Italiana di self-publishing.

Youcanprint è da 6 anni consecutivi la prima piattaforma Italiana di self-publishing secondo l'Associazione Italiana Editori, responsabile del 27% delle opere autopubblicate e il 5% di tutti i libri pubblicati in Italia.

Dati AIE 2023 (Associazione Italiana Editori)