Facebook

CARRELLO

Totale {{totalAmount|currency}}

Non hai ancora nessun articolo nel carrello.
Telalzu de ammentos

Telalzu de ammentos

di Carlino Mureddu (Autore)


Carlino Mureddu nacque ad Aidomaggiore nel 1927, l'11 di aprile. Morì all'improvviso a soli 66 anni a Sassari il 18 aprile del 1993. La formazione arcaica della prima metà del secolo scorso, i costumi e le miserie dell'epoca sono dolorosamente e nostalgicamente descritte nelle sue prime poesie. Si trasferì a Sassari e lavorò come operaio e visse l'evoluzione sociale allora in atto nei primi anni '50 in Sardegna. Emigrò con la famiglia nel Continente, mitico luogo di riscatto e crescita sociale, continuando sempre a scrivere, leggere e imparare e trasmettere i suoi pensieri con la fitta corrispondenza in sardo tra familiari e amici, senza mai accettare la lontananza e vivendo nella nostalgia. La sua poesia nasce nella tradizione orale sarda agropastorale più antica e con essa si è evoluta e trasformata anche in poesia civile e politica. Il sardo era la sua lingua e, a prescindere dalle inflessioni e le variazioni linguistiche dei luoghi e dai poeti più o meno famosi con cui duellava sui palchi dell'isola, era sempre compreso ed apprezzato. Lo testimoniano le numerose gare, i premi, le trasmissioni alle radio locali, i suoi numerosi ascoltatori ed estimatori. Con i suoi versi si percorrono le strade della Sardegna più antica in via di " modernizzazione" industriale, riscoperta e in evoluzione lentissima, incolta forse per gli standard odierni ma viva, povera ma piena di speranze che hanno fermentato nel secolo appena trascorso. Fu sempre convinto che la poesia, al pari della musica, non avesse bisogno di traduzione ma di interpretazione e chiunque avesse poesia in se avrebbe compreso la poesia dell'altro. A trent'anni dalla morte di Carlino Mureddu, le sue parole, le sue rime, le improvvisazioni, le sfide e i duelli con i grandi poeti sardi ancora celebrati, hanno un eco in queste poesie edite ed inedite tratte dai suoi numerosi quaderni e dalle pagine di riviste e quotidiani che popolavano l'isola negli anni '70.Questo libro è un modo per ricordarlo e ricordare ancora la sua voce e i suoi pensieri, a volte introspettivi, spesso battaglieri o mesti, di frequente sentimentali o sarcastici. Una poesia e una vita la sua mai sconfitta poichè i suoi versi," ana boladu e ten bolare ancora".

Informazioni editoriali

Data di uscita
2024
Editore
Youcanprint
Pagine
140
ISBN
ISBN
9791222733210

Recensioni clienti

0 su 5 stelle sulla base di 0 Recensioni
Cartaceo EUR {{current_price.toFixed(2)}} EUR {{form.item.thisBook.listPrice.toFixed(2)}} Risparmi EUR {{saved_amount}} EUR {{form.item.thisBook.listPrice.toFixed(2)}}
Consegna prevista: venerdì 24 maggio
EUR {{current_price.toFixed(2)}} EUR {{form.item.thisBook.listPrice.toFixed(2)}} Risparmi EUR {{saved_amount}} EUR {{form.item.thisBook.listPrice.toFixed(2)}}
Link per acquisto audible non disponibile
Youcanprint, la piattaforma italiana di Self-publishing

Youcanprint è la prima
piattaforma Italiana di self-publishing.

Youcanprint è da 6 anni consecutivi la prima piattaforma Italiana di self-publishing secondo l'Associazione Italiana Editori, responsabile del 27% delle opere autopubblicate e il 5% di tutti i libri pubblicati in Italia.

Dati AIE 2023 (Associazione Italiana Editori)